Racconti erotici gratis storie erotiche storie porno racconti porno racconti sesso letteratura erotica confessioni erotiche racconto erotico Racconti erotici Storie erotiche confessioni storie porno racconti porno racconti sesso fantasie letteratura erotica erotismo Confessioni erotiche
  Home
  Inviare racconti
  Linea erotica




Donne navigate con fighe non più così fresche e che sono pronte a ogni tipo di porcheria.


Ragazze intelligenti e di buona compagnia che non vedono l’ora di tornare dall’Università...


Donne di classe, intelligenti, facoltose e nella loro età migliore.


Queste ninfomani possedute dal sesso sanno perfettamente cosa vogliono: Sesso in ogni variante, a qualsiasi ora, più perverso è meglio è.


Impazzisci per la pelle scura e la figa rosa?


Non appena marito e figli escono di casa, si dà il via alle danze.


Ti piacciono le ragazzine appena sopra i 18?


Da ragazzi giovani e desiderosi di cazzo fino a uomini maturi che lo prendono da dietro senza riguardo, qui trovi gay per tutti i gusti.


Queste donne passionali si soddisfano da sole più volte al giorno.


Ti piacciono anche cosce grasse, tette giganti e un culo gonfio?


A queste ragazze infoiate e drogate di sesso piace da morire quando gli vieni addosso, meglio se in faccia, sulle tette o sul culo.


Queste belle ragazze portano reggicalze e collant sexy per tutto il giorno.


Hai sempre voluto farlo con una vera modella?


Vorresti leccare la mia figa appena rasata?


Queste ragazze sanno come si fa un pompino.


Qui conosci velocemente e in modo non complicato donne che potrebbero essere la tua vicina, il tuo capo...


Non riesco ad essere silenziosa quando faccio sesso.


Lasciamo i peli al loro posto! Peli ascellari, sulle gambe e sul pube sono cresciuti naturalmente.


Queste troie non sono mai sazie e non ne hanno mai abbastanza.


Femmine estremamente indecenti che vanno veramente con tutti e dovunque.



Foto
Pompini
Donne incinta
Lesbiche
Donne mature
Ragazze giovani
Sesso anale
Grandi seni
Casalinghe
Donne vecchie
Modelle
Infermiere
Pisciate
Sborrate
Donne Pelose
Trans
Studentesse
Donne grasse
Troie porche
Donne di classe
Lolita
Masturbazione
Ninfomani
Donne nere
Spagnole
Tettone
Vicina di casa
Servizio completo
Hardcore
Puttane vogliose
Reggicalze
Gay
Sveltina veloce
Gemiti
Scappatelle
Padrona Dominatrice
Schiave
Nylon Piedi
Feticismo
Fisting
Cacca
Figa rasata
Voyeur
Sesso perverso
Allargamento anale
Sadomaso BDSM

Contatti diretti
Incontri sesso
Donne di Milano
Donne di Roma
Donne del Sud
Donne di Napoli
Donne di Torino
Donne di Palermo
Donne di Bologna
Donne di Genova
Donne di Firenze
Donne del Nord



  Racconti  
Prima volta (8) Autoerotismo (1) Etero (1)
Orgie e Trie (6) Giovane (5) Feticiste (4)
Voyerismo (1) Lesbiche / Bisessuale (7) Gay (5)
Incesto (19) Trans (3) Dominazione (7)
Zoofilia (7) Infedeltá (4) Mature (2)
Confesioni (42) Interracial (1) Scambio Coppia (1)
Sesso virtuale (0) Prostitute (0) Educazione (0)
Lirica (3) Grandi racconti (5)   Altri (4)

Print

Prima volta
Inviato da anonimo


La prima volta Era una serata comune come Linda ne aveva passate a migliaia, era nella sua camera immobile come paralizzata perchè ogni volta che si organizzava un'uscita entrava in crisi :" Farà freddo? il rossetto viola starà bene con quest'abito? e queste scarpe non mi faranno le caviglie tozze?" e se ne stava seduta sul suo letto a riflettere mordicchiandosi le dita quando improvvisamente lo squillare del suo cellulare la distolse dai suoi pensieri "Lilì siamo qui sotto, scendi subito che è tardissimo!" Linda raccolse in fretta le cianfrusaglie che stavano sul suo comodino e le mise in borsa, infilò il cappotto e corse giù. Ad attenderla nella Land Rover grigia c'erano sua cugina Monia e il suo ragazzo Luca, Linda entrò in auto col fiatone dopo la corsa che si era fatta per le scale "ciao ragazzi..oddio che freddo! Ma che vengo a farci io a questa festa? sono tutti in coppia, io sono l'unica scema senza ragazzo!" Monia la guardò in viso con uno sguardo di sufficenza e un sorriso un pò sarcastico" E dai Lilì..sempre a lamentarti! Non è colpa nostra se nessuno ti si fila..almeno, grazie a noi, esci invece di stare sempre in casa a leggere quelle porcherie!" Linda si sentì screditata da quella sua cugina così bella ma tanto stronza, comunque decise di non risponderle pur pensando che ciò che leggeva non fosse una "porcheria" come le ricordava sempre Monia, era semplicemente una raccolta di racconti erotici che migliaia di persone leggono, forse poche donne lo fanno ma a lei in fondo non importava. Arrivarono alla festa, tutti erano già dentro al locale e Linda non sopportava di arrivare per ultima perchè avrebbe attirato l'attenzione che viene rivolta a tutti gli ultimi arrivati, appena notò un divano libero andò a sedersi decisa a non abbandonare quel posto per tutta la sera, la musica era assordante e si respirava a fatica in quel pub, così, dopo circa un'ora Linda era già stufa di stare lì a sentirsi una povera emarginata e decise quindi di andare alla toilette per tentare di stare un pò tranquilla senza quel fracasso nelle orecchie e senza nessuno che la fissava con pietà. Entrò nella toilette e si accorse che i bagni erano in comune, infatti sul lavandino stava seduta una ragazza che baciava appassionatamente il suo ragazzo per quella sera, tenendo la maglietta alzata lasciando intravedere i capezzoli turgidi che venivano continuamente leccati e baciati con passione. Linda restò a fissare la scena completamente rapita dai versi estasiati dei due che sembravano non finire mai di godere, quando qualcuno la sorprese alle spalle "ehy Linda..che guardi?" Linda si girò di scatto e sentiva la sua faccia come infuocata dall'imbarazzo "oh..Luca..ehm...non spiavo loro, cioè si..ma non è come pensi!" Luca la guardò negli occhi e le sorrise "Tranquilla Lilì, con me non devi giustificarti..e poi non fai nulla di male!!" la ragazza abbassò lo sguardo e fissò il pavimento per una manciata di secondi che però le sembrarono ore, ma lo rialzò quando il ragazzo le parlò nuovamente "Linda..Monia sta poco bene e vuole che la riaccompagni a casa, vieni con noi?" a Linda sembrò una domanda stupida visto che non aveva altra scelta se non quella di tornare con loro dal momento che in quel locale per lei erano tutti degli sconosciuti "Si, certo andiamo..anche a me va di tornare a casa!". Così i tre si rimisero in auto per fare ritorno alle loro abitazioni. Durante il tragitto Linda stava seduta dietro e fissava Luca senza che lui potesse vederla, pensava a quant'era bello e soprattutto al fatto che era uno dei pochi ragazzi, se non l'unico, a non averla mai presa in giro per come era fatta, pensava anche alla scena che aveva visto pochi minuti prima nel bagno di quel locale e si sentiva terribilmente eccitata ma anche tanto triste al pensiero che avrebbe dovuto soddisfare il suo desiderio da sola, con la sua mano. I suoi pensieri vennero interrotti dalla voce debole di Monia" Luca..sto malissimo, lascia prima me e accompagna da solo Linda, ho bisogno di stendermi immediatamente!" e così fu fatto; non appena Monia fu accompagnata davanti il portone della sua abitazione, Linda fu invitata a prendere il posto davanti e lei eseguì. Per tutto il tragitto i due non si scambiarono una parola e a Linda sembrò che passassero anni prima di arrivare sotto casa sua "Ok..eccoci arrivati Lilì, mi spiace che la serata non sia stata il massimo..buona notte!" così Luca si sporse verso Linda per aprirle la portiera ma col braccio sfiorò il grosso seno della ragazza che sembrò sussultare, i due si guardarono negli occhi per un istante e lei decise di scendere immediatamente perchè fissare quegli occhi così belli le faceva male al cuore. Ma Luca la bloccò prendendola per i polsi e la tirò a se, Linda era come drogata, come se in quel momento non capisse nulla e si fece trasportare da lui, si sedette a cavalcioni sul ragazzo e sollevò il vestito che stava per strapparsi, attraverso le sue mutandine sentiva il membro di lui ingrossarsi velocemente ed iniziò a strofinarcisi contro gemendo, lui iniziò baciarle il collo e man mano scese con le sue labbra umide verso i seni di lei che aspettavano di essere divorati dalla sua bocca, la lingua sbatteva, leccava, pizzicava continuamente i capezzoli della ragazza che si sentiva morire. Linda si strinse a lui per sentire i suoi denti sulla pelle, dopodichè aprì la camicia di lui ed iniziò baciare quel corpo perfetto e profumato, si inginocchiò tra le sue gambe e gli sbottonò i jeans prendendo in bocca quel cazzo duro come una roccia, lo leccava senza sosta come se volesse tenere il suo sapore per sempre con se, prendeva il glande tra le sue labbra carnose e lo succhiava per poi leccarlo tutto e continuare così senza fermarsi per sentire lui godere come un matto. Poi Luca la sollevò a se facendola sedere nuovamente a cavalcioni su di lui "Togliti il perizoma e girati!" lei lo ascoltò e lui le infilò tutto il suo cazzo dentro facendole provare un piacere sublime e doloroso allo stesso tempo, la teneva per le braccia e la sollevava e poi di nuovo giù, sentendo la sua figa strettissima avvolgergli il membro "Non mi avevi detto che eri vergine!" e Linda rispose tra i sospiri "Non me l'hai chiesto!"In quella posizione Luca non poteva vedere il viso di Linda ma poteva baciarle le spalle, sentire il profumo dei suoi lunghi capelli neri e toccarle i seni durissimi con le sue grandi mani abbronzate. Il ragazzo continava a sollevarla e abbassarla affondando ogni volta di più il suo cazzo duro in lei, sentendola gemere ad ogni movimento"Luca mi fai un pò male.." Linda era pallida in viso perchè quella era la prima volta che qualcuno entrava in lei ed inoltre lui sembrava non saziarsi mai, così Luca le suggerì di spostarsi sui sedili posteriori dell'auto lasciando però le gambe rivolte verso i sedili anteriori, la ragazza ovviamente lo fece e si ritrovò con le gambe aperte e la figa sotto gli occhi di Luca che la scrutavano, il ragazzo avvicinò il suo viso ad essa ma senza sfiorarla "Hai una figa bellissima..e poi ha un odore inebriante..di femmina." Linda sentiva il respiro di Luca sul suo clitoride e non capiva perchè lui se ne stasse immobile senza avvicinarsi dando inizio ad una attesa straziante ma eccitante al tempo stesso, così lei iniziò a contorcersi tentando di avvicinare il bacino al viso di lui, ma Luca la immobilizzava per i polsi "Devi pregarmi se vuoi che te la lecchi..su forza implorami!" urlò il ragazzo come se avesse cambiato personalità, Linda in quel momento avrebbe fatto di tutto pur di sentire quelle labbra carnose succhiarle il clitoride "Si..si ti supplico, ti prego..leccami, fammi godere!". Così il ragazzo affondò il suo viso in quella figa che probabilmente lo desiderava da sempre, iniziò a leccare lentamente le grandi labbra per poi spostarsi al centro continuando a leccare lentamente come se stesse leccando il gelato più dolce che avesse mai assaggiato, man mano che sentiva Linda godere sempre più, leccava sempre più velocemente per poi fermarsi di colpo e ricominciare portando la ragazza in estasi, dopo qualche secondo le infilò il dito dentro muovendolo circolarmente e continuando a succhiare e torturandole i capezzoli con l'altra mano "Oh..sto venendo!" Luca a quel punto si sollevò e la penetrò con tutta la sua forza, facendo urlare Linda di piacere. I due sembravano impazziti, le loro mani toccavano ovunque così come ovunque leccavano le loro lingue "Oddio...sto sbagliando, non dovevo fare questo a Monia..a mia cugina!" sospirava Linda tra un immeso piacere, Luca si avvicinò al suo orecchio e ,come se trattenesse le urla tra i denti ,le disse "Se vuoi che smetta io lo farò..ma devi chiedermelo tu, forza chiedimelo stronza!" ma l'unica risposta che provenne da Linda fù "Scopami fino a farmi morire!"così il ragazzo affondò il suo membro con maggiore veemenza e dopo qualche istante i due ragazzi vennero contemporaneamente tra urla, morsi e sospiri . Il ragazzo si ricompose, guardò negli occhi pieni di gioia di Linda "Vai via Lilì..non voglio più vederti perchè non potrei fare a meno di scoparti la prossima volta!", la ragazza esitò qualche istante poi lo baciò sulle labbra che avevano ancora il sapore di lei e corse via. Entrò nella sua stanza e guardò alla finestra, Luca era lì a fissarla. Qualche minuto dopo il cellulare di Linda ricevette un sms "Ciao Lilì..sto un pò meglio, domani c'è il compleanno di Alex, passiamo a prenderti alle 9 cosi esci e magari incontri qualche disperato come te e finalmente ti fai una sana scopata! Ah,ah,ah! Monia"



Servizio di intrattenimento offerto da Goldline srl - Via. Costa 1/b - 61030 Montemaggiore (PU) -costo 1,20 € alla risposta + 2,40 € /min iva compresa da rete fissa - 0,24 € alla risposta + 2,40 €/min iva comp.da Tim - 0,24 € alla risposta e 3.60 € al min.iva comp. da Vodafone - 1,20 € alla risposta e 3,12 € iva comp. da H3G - 0,15 € alla risposta + 1,86 € al min iva com. da Wind per una spesa massima di 15 € iva inc.- V.M. 18

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha imposto il blocco, da telefoni fissi, verso le numerazioni 899 a partire dal 15 settembre 08; se si desidera continuare ad utilizzare i nostri servizi e quindi chiamare da rete fissa le nostre numerazioni 899, è possibile attivare gratuitamente il servizio di abilitazione/disabilitazione tramite codice PIN chiamando Telecom Italia al numero gratuito 48181

ADVERTENCIA: Estas páginas contienen material exclusivo para mayores de 18 años. Si usted es menor de edad en su lugar de residencia o si cree que este tipo de material puede herir su sensibilidad, le rogamos abandone de inmediato esta página.
Copyright © 2005 All Rights Reserved www.1001RACCONTIEROTICI.com Email: info@1001relatoseroticos.com

Racconti erotici gratis, storie erotiche, confessioni, storie porno, racconti porno, racconti sesso, fantasie, letteratura erotica, Confessioni erotiche